Il benvenuto della Bouganvillea

  • Home
  • BLOG
  • Il benvenuto della Bouganvillea

Il benvenuto della Bouganvillea

Terrazze, pergolati, muri colmi di rami fioriti e coloratissimi che sembrano nati apposta per darci il benvenuto.

Durante la stagione estiva, ma non solo, chi di noi non è rimasto almeno una volta affascinato e ha lasciato correre il pensiero inebriato da questa atmosfera?

Davvero facile da trovare! Nelle zone costiere italiane, come in Spagna, Grecia, Provenza e tante aree che si affacciano sul mediterraneo, molte case sono abbellite da una coloratissima pianta rampicante che ha anche il pregio di avere una fioritura lunghissima (da primavera ad autunno inoltrato): la bougainvillea.

Se ne possono trovare dai colori sgargianti: dal bianco, al giallo, all’ arancio, al rosa, al rosso fino al viola, ma contrariamente a quando si può comunemente pensare, non sono i fiori ad essere colorati. I fiori sono infatti sempre di colore bianco, quello che cambia  è invece l’apparato vessillare composto da tre brattee (che altro non sono che foglie trasformate) che acquistano colori vivacissimi.

Fu un avventuriero a portare questa pianta in Europa dall’America e dal lui ha preso il nome: Louis Antoine de Bougainville. Nel 1766 guidò una spedizione francese sotto il servizio di re luigi XV; l’intento era circumnavigare il globo e durante una sosta in Brasile il medico naturalista di bordo Philibert Commercon scoprì la bougainvillea e gli dette il nome del suo capitano.

Conosciutissima e apprezzata in tutto il modo, la bougainvillea è sinonimo di estate, ma anche e soprattutto di benvenuto, trovandosi spesso agli ingressi delle abitazioni e donando allegria e tanta bellezza agli ospiti in arrivo.



Esistono numerose specie tra le quali ricordiamo: Bougainvillea glabra ‘Sanderiana’ con le brattee di colore rosso cupo che fiorisce in maniera abbondante e per lungo tempo o la Bougainvillea Barbara Karst, ibrida  e molto popolare con grappoli dal rosso vivo al magenta anch’essa con una lunghissima fioritura e un grande velocità di crescita.

E’ molto facile da coltivare e nelle zone mediterranee e soleggiate si può coltivare in piena terra; viceversa dove gli inverni sono rigidi è bene coltivarla in vaso e ripararla durante i periodi più freddi. 

 

 


 

Torna in alto

Potrebbero interessarti anche:

Photo credit skygarden.london

Siepi e loro usi: l'esempio del Labirinto della Masone

| Innocenti & Mangoni | Blog

Il Glicine a raggi X

| Innocenti & Mangoni | Blog

Parchi urbani: Hyde Park a Londra

| Innocenti & Mangoni | Blog
Il pesco: un albero per la primavera

Il pesco: un albero per la primavera

| Innocenti & Mangoni | Blog

L'albero più antico del mondo

| Innocenti & Mangoni | Blog

Verde pubblico: La biblioteca degli alberi di Milano

| Innocenti & Mangoni | Blog
Syringa

Il mito di Syringa e Pan

| Innocenti & Mangoni | Blog

Architettura del paesaggio: le donne paesaggiste tra otto e novecento

| Innocenti & Mangoni | Blog
Quercia

Storie leggende e sacralità della Quercia

| Innocenti & Mangoni | Blog
Alberi per boschi urbani

I giardini Villandry, tra orti ornamentali, viali alberati, boschi e labirinti di siepi

| Innocenti & Mangoni | Blog
architettura del paesaggio per la città fornitura piante

Vivaismo 4.0 a Pistoia

| Innocenti & Mangoni | Blog

Innocenti & Mangoni Piante
Via del Girone 1751100 Chiazzano (Pistoia) ITALIA
Tel. 0573.530364
Fax 0573.530432
P.IVA 00144510476

© 2020 Innocenti & Mangoni Piante ssa - All Rights Reserved

rimaniamo in contatto
SCARICA ORA la nostra
APP

Realizzazione siti web Pistoia e app per aziende