Labirinti & Siepi


Labirinti e Siepi

Abbelliscono parchi e giardini, delimitano i territori segnando i confini, nascondono alla vista. Sono molti gli usi che si possono fare delle siepi e tanti i tipi di piante appartenenti a questa categoria. Certamente l’utilizzo che più lascia spazio all’immaginario riguarda il labirinto. Luogo misterioso, in cui perdersi, il labirinto possiede infinite suggestioni e da sempre suscita una forte attrazione negli esseri umani, inevitabilmente affascinati dall’idea di perdere la strada per poi ritrovarla. Il labirinto rappresenta l’ignoto, la paura e la sfida. 

Nel mondo esistono moltissimi labirinti realizzati con le siepi. Dedali verdi dalle dimensioni e forme più svariate. Il più lungo del mondo è stato fino a poco tempo fa il Longleat Hedge Maze, situato in Inghilterra, vicino alla città di Warminster, nella casa signorile inglese di Longleat. Progettato e realizzato nel 1975, il percorso ha una lunghezza totale di 2,72 km, è sdraiato su 1,5 ettari ed è composto da 16.000 tassi inglesi (Taxus baccata) mantenuti costantemente all’altezza di circa due metri e mezzo. Tale record è stato recentemente battuto dall’Italia. A Fontanellato, in provincia di Parma, è stato infatti da poco inaugurato il Labirinto della Masone, ideato e realizzato da Franco Maria Ricci, editore e designer. Costruito con piante di bambù, la superficie che copre è di circa otto ettari e i percorsi si sviluppano per più di tre chilometri. Il labirinto della pace di Castelwellan, in Irlanda, è invece uno dei più grandi d’Europa e il terzo più vasto al mondo. Finanziato dalla Comunità Europea, nell’ambito delle iniziative promosse per la pace nel nord dell’Irlanda, è mediamente percorribile in 40 minuti. In Italia fra i più famosi labirinti è impossibile non citare quello di Villa Pisani, a Stra (Venezia) realizzato con siepi di bosso (Buxus sempervirens) e conosciuto per il gioco della dama e del cavaliere che nel ‘700 si faceva al suo interno. Al Castello di San Pelagio, a Padova, è invece possibile perdersi all’interno del “Labirinto del Minotauro”, dedicato al celebre mito di Cnosso. 

Torna in alto

Potrebbero interessarti anche:

Il pesco: un albero per la primavera

Il pesco: un albero per la primavera

| Innocenti & Mangoni | Blog

L'Alhambra e i giardini Generalife

| Innocenti & Mangoni | Blog
Verde Pubblico Verde Architettonico

Verde Pubblico: un piacere per la vista, utile per la salute

| Innocenti & Mangoni | Blog

Il più grande architetto del paesaggio del novecento: Pietro Porcinai

| Innocenti & Mangoni | Blog

Le piante ideali per l'arredo urbano

| Innocenti & Mangoni | Blog
Alberi per boschi urbani

I giardini Villandry, tra orti ornamentali, viali alberati, boschi e labirinti di siepi

| Innocenti & Mangoni | Blog
architettura del paesaggio per la città fornitura piante

Architettura del paesaggio per la città: Singapore oasi green

| Innocenti & Mangoni | Blog
Actinidia - Kiwi

Il kiwi

| Innocenti & Mangoni | Blog

Architettura del paesaggio: le donne paesaggiste tra otto e novecento

| Innocenti & Mangoni | Blog
Torre del Guinigi ed il quercus ilex

Architettura verde: Il giardino pensile della Torre del Guinigi

| Innocenti & Mangoni | Blog

I Giardini fiorentini di Cecil Pinset

| Innocenti & Mangoni | Blog

Innocenti & Mangoni Piante
Via del Girone 1751100 Chiazzano (Pistoia) ITALIA
Tel. 0573.530364
Fax 0573.530432
P.IVA 00144510476

© 2020 Innocenti & Mangoni Piante ssa - All Rights Reserved

rimaniamo in contatto
SCARICA ORA la nostra
APP

Realizzazione siti web Pistoia e app per aziende