Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Sito web dedicato ai Professionisti 

Acero Giapponese

L'Acero Giapponese

D’autunno le sue foglie acquistano uno spettacolare color rosso. Poi, lentamente, cadono, lasciandolo spoglio. In primavera invece il suo fogliame può assumere i colori più svariati, dal verde al giallo, fino all’arancio. Vario e spettacolare, mai immobile. Stiamo parlando dell’ acero giapponese, l’albero simbolo della transitorietà e del cambiamento, proprio a causa delle mutazioni che subisce con il cambio delle stagioni. Appartenente alla vasta famiglia degli aceri, ne rappresenta una varietà molto amata da chi desidera abbellire un parco e un giardino. Difatti è una tipica pianta utilizzata a scopo ornamentale. Non necessita di cure particolari e cresce lentamente ed è proprio per tutte queste caratteristiche che è molto amata e molto utilizzata. In Italia è facile trovarne sia in giardini privati che in parchi pubblici. Nel parco di Villa Raimondi, vicino a Como, c’è una collezione di aceri giapponesi che conta circa 60 esemplari e che merita una visita nella stagione autunnale. Proprio a causa del suo color rosso acceso in autunno, colore che ricorda il sangue, all’acero giapponese sono associate storie e leggende particolari. Nella mitologia greca era l’albero di Fobos, il dio della paura, figlio di Ares e fratello di Demos, Dio del Panico. Secondo una leggenda legata ai boschi dell’Alsazia le cicogne, per spaventare i pipistrelli e proteggere i propri piccoli, mettono un ramo di acero nel nido. Sembra che tra gli aristocratici giapponesi si attendesse l’autunno per ritrovarsi sotto i momiji, gli Aceri giapponesi, per suonare, cantare o recitare poesie d’amore, cercando ispirazione nelle foglie screziate di rosso. Più tardi questa usanza signorile divenne popolare ed è rimasta inalterata fino ad oggi.

innocenti e mangoni, piante, pistoia, acero, giapponese